HOME  I  TERRITORIO E SEDI  I  STORIA  I  UFFICI E ORARI  I  PREVENZIONE INCENDI  SICUREZZA DOMESTICA  I  SCUOLA SICURA
  COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO CUNEO

 
  Chi siamo
  Territorio e Sedi
  Storia
  Uffici e orari
  Prevenzione
 Prevenzione incendi
 Sicurezza domestica
 Scuola sicura
  Servizi a pagamento
 Corsi di formazione
 Esami
 Dispensa corso addetti antincendio
 Vigilanze

CONOSCERE PER PREVENIRE

 

L'ambiente domestico spesso nasconde situazioni insidiose in cui gli oggetti e le apparecchiature di uso quotidiano, purtroppo possono trasformarsi improvvisamente in cause di incidenti con risvolti anche tragici.

E' dunque di fondamentale importanza conoscere le cause che possono provocare una situazione pericolosa per poterla prevenire con adeguate misure protettive ed opportuni comportamenti difensivi.

Diamo qui alcune nozioni che riteniamo basilari per un approccio alla prevenzione domestica, con la consapevolezza di non poter essere esaustivi sull'argomento in questa sede.

La combustione è un fenomeno molto complesso che può essere schematizzato attraverso il cosiddetto TRIANGOLO DEL FUOCO, cui fa riscontro il "triangolo di estinzione".

L’incendio è la conseguenza di una reazione chimica (combustione) tra una sostanza capace di bruciare (combustibile) e l’ossigeno (comburente). Affinché si produca una combustione è necessario che si verifichino contemporaneamente le seguenti tre condizioni.

  1. presenza di combustibile

  2. presenza di ossigeno(comburente) in quantità opportuna

  3. temperatura opportuna, fornita da una sorgente di calore o di accensione.

E' sufficiente quindi riuscire a contrastare anche uno solo degli elementi per evitare che la combustione abbia luogo e quindi che si verifichi un incendio:

  1. sottraendo il combustibile

  2. soffocando la combustione togliendo l'ossigeno

  3. raffreddando (con acqua o anidride carbonica).

Per contenere e combattere un incendio è necessario intervenire subito, al massimo 15-20 minuti da quando è iniziata la combustione.

A questo scopo risulta determinante il primo intervento, che spesso può essere effettuato da qualsiasi persona si trovi sul posto.

Il mezzo più efficiente per questo primo intervento è rappresentato dagli estintori portatili. Occorre quindi saper identificare il tipo più adatto di estintore in relazione alla natura del combustibile ( es.: petrolio, carta, legno, apparecchiature elettriche, ecc. ).

Ricordate quindi che si può agevolare il primo intervento se:

  1. l’estintore è messo in una posizione opportuna, affinché quando serve, possa essere trovato subito (di solito vicino alle porte d’ingresso ai vari locali).

  2. che siano controllati periodicamente (il tempo li rende inefficaci).

  3. che siano impiegati correttamente.

 

MATERIALE DEL COMBUSTIBILE TIPO DI ESTINTORE
IDRICO SCHIUMA POLVERE CO2
- MATERIALI SOLIDI (legno, carta, tessuti)  SI SI SI SI
- LIQUIDI INFIAMMABILI (benzine, oli, solventi) NO SI SI SI
- APPARECCHIATURE ELETTRICHE (motori,   trasformatori, interruttori) NO NO SI SI
- GAS INFIAMMABILI (acetilene, GPL, metano, idrogeno) NO NO SI SI
- ALCOOL E CHETONI NO NO SI SI
- SOSTANZE COMBURENTI (clorati, perclorati) SI NO NO NO
- SOSTANZE CHE REAGISCONO PERICOLOSAMENTE CON ACQUA (sodio, potassio, carburo di calcio) NO NO SI SI

La chiamata di soccorso è gratuita da ogni telefono pubblico, senza gettone.

Preparati a dire con calma:

  1. chi sei e da dove chiami: nome e numero telefonico, indirizzo

  2. cosa è successo: entità dei danni e dei pericoli, presenza di feriti, cosa serve, a quale piano dell'edificio

  3. dove serve il soccorso: indicazioni stradali, indirizzo, numero telefonico.

COME FUNZIONA L'INTERVENTO

Compito dei Vigili del Fuoco è di assicurare in modo diretto ed immediato a persone, animali e cose un intervento di soccorso urgente in caso di pericolo da fuoco, o da altre cause accidentali.

I tipi più comuni di intervento sono:

  • estinzione degli incendi

  • infortuni a persone, animali e cose

  • dissesti statici

  • allagamenti

  • incidenti stradali 

  • incidenti nucleari

  • situazioni di pericolo generico

  • calamità nazionali

Puoi chiedere aiuto per questi casi, ma evita di chiamare se non ci sono le condizioni di pericolo. 

Quando telefoni ti chiediamo diverse informazioni e il tuo numero di telefono. Ti diamo consigli e istruzioni, e contemporaneamente facciamo partire una squadra di soccorso dal distaccamento a te più vicino.

INCENDIO: COSA FARE? 

 

Chiama i Vigili del fuoco 115

Non immaginare che lo facciano altri: attendi con calma il nostro arrivo (5-10 minuti o di più a seconda della distanza e della disponibilità di squadre). Prepara uno spazio per i nostri automezzi e aiutaci a trovare il posto. Intanto stacca la corrente elettrica, chiudi il gas e allontana le persone e il materiale che può bruciare o causare ulteriore pericolo.

 

Dai l'allarme e allontanati

Informa tutti del pericolo: forse qualcuno non sente o non si può muovere (anziani, malati, handicappati). Accertati che tutti lascino i locali chiusi e vadano in un luogo sicuro: segui le vie di fuga e i cartelli "Uscita di sicurezza".

 

Isola il fuoco

Se non ci sono persone all'interno, esci e chiudi porte e finestre dei locali incendiati (l'aria alimenta il fuoco), ma non a chiave: dovranno passare i Vigili.

 

Non puoi uscire?

Il pericolo è il fumo: non deve passare! Se vuoi respirare, sdraiati sul pavimento dove l'aria è più pulita e il calore è minore. Striscia verso un'uscita o una finestra e aprila. Sigilla le fessure con coperte e altro, respira attraverso un fazzoletto bagnato, non sporgerti dalle finestre, non perdere la calma.

 

Gli abiti bruciano?

Buttati subito a terra, copriti la faccia con le mani e rotolati (non stare in piedi, fumo e fuoco vanno verso l'alto!). Avvolgiti in una coperta o un tappeto per soffocare le fiamme: togliti i vestiti.

 

Ti sei bruciato?

Raffredda subito la parte bruciata con acqua o ghiaccio o un metallo per 10 - 15 minuti. Se è grave vai subito al pronto soccorso.

IN CUCINA

Evita accumuli di carte e plastica vicino al fuoco, controlla i tubi del gas per evitare perdite, chiudi il gas se non lo usi. Non lasciare il gas acceso e incustodito. Ricorda che i capelli lunghi e sciolti, o gli abiti, si accendono facilmente se toccano la fiamma.

 

INCENDI DI CAMINO

Sono frequenti ai primi freddi e col vento. Blocca subito l'accesso dell'aria alla canna. Usa sabbia o sale grosso a manciate, non acqua, per spegnere fuoco e braci. Allontana dalla canna rovente gli oggetti e i mobili. Pulisci la canna fumaria ogni anno.

 

APPARECCHI ELETTRICI

Controlla spesso che cavi elettrici e spine siano grandi e in buone condizioni, senza falsi contatti. Collega poche spine ad ogni presa, non sovraccaricarla. Il televisore è ventilato, o è sepolto sotto giornali o altro? E non abbandonarli accesi, specie le stufe elettriche. Non spegnere con acqua: usa un estintore!

 

PORTA CHIUSA

Capita spesso nei giorni di vento. Hai una chiave di scorta? Chiama noi se c'è pericolo, ma intanto cosa può succedere al bambino, ai fornelli, alla lavatrice, al cane? Se non c'è pericolo possiamo aprirti la porta solo a pagamento.

ASCENSORE BLOCCATO

Verifica che le porte interne siano ben chiuse. Conosci le istruzioni scritte nel vano macchina? Sono disponibili le chiavi del vano? Preparale e tranquillizza le persone mentre attendi i soccorsi.

ALLAGAMENTI

Se il tubo di scarico della lavatrice si stacca, cosa succederà? E se resta aperto un rubinetto? Impara come interrompere l'erogazione dell'acqua alla casa. Le fogne in strada sono libere? Può bastare un bastone per "smunirle".

I TERREMOTI 

 

Il terremoto è una improvvisa vibrazione del suolo. Le scosse sismiche, possono durare da pochi secondi a qualche minuto.

Il terremoto ha origine in un punto, l'ipocentro, situato all'interno della litosfera, lungo una linea di frattura detta faglia.

 

Il terremoto è un fenomeno naturale non prevedibile, che dura molto poco, quasi sempre meno di un minuto. La tua sicurezza dipende soprattutto dalla casa in cui abiti. Se è costruita o adattata in modo da resistere al terremoto, non subirà gravi danni e ti proteggerà.

Ovunque tu sia in quel momento, è molto importante mantenere la calma e sapere cosa fare. Preparati ad affrontare il terremoto, pensaci fin da ora. Seguire alcune semplici norme di comportamento
può salvarti la vita.

 

Non precipitarti fuori:

Non precipitarti sulle scale, perché sono la parte più debole dell'edificio. Non usare l'ascensore: si può bloccare.

 

Trova un riparo

Riparati sotto un bel tavolo robusto, sotto il letto oppure sotto l'architrave di una porta o nell'angolo vicino a un muro portante!

Non stare vicini alle finestre o alle porte vetrate. Stai lontano da mobili pesanti, mensole, finestre e porte vetrate: il pericolo più comune è quello di essere colpiti da calcinacci, vetri e oggetti che cadono.

Chiudi rubinetti ed interruttori

 Ricordati di chiudere i rubinetti dell'acqua e gli interruttori della luce e del gas, per evitare possibili incendi

 

Trova un luogo sicuro all’aperto

Allontanati dagli edifici e cerca uno spazio aperto. Non fermarti vicino agli alberi, ai cornicioni, alle grondaie, ai lampioni, alle linee della luce e del telefono

 

Usa la macchina solo se indispensabile

Ricorda a mamma e papà o a chi sta guidando di non sostare sotto o sopra i ponti o i cavalcavia, vicino agli edifici o dove possono verificarsi smottamenti o frane.

LE ALLUVIONI

 

Quando le acque di un fiume non vengono contenute dalle sponde e si riversano nella campagna circostante o in un centro abitato si ha un'alluvione.

Ecco come devi comportarti in caso di alluvione:

1. Non chiudere le porte e le finestre della tua casa;

2. Cerca una pila o una candela, fiammiferi, coperte, corde, un fischietto e una radio; portali con te dove avrai deciso di rifugiarti,

3. Cerca un posto alto dove rifugiarti, come l'ultimo piano della tua casa, o il tetto. Se sei fuori casa, arrampicati su un albero, ma prima accertati che sia bello grosso,

4. Rimani nel posto dove ti sei rifugiato e aspetta i soccorsi.

Ecco come devi comportarti in caso di frane:

1. Fai attenzione ai cartelli stradali di pericolo frane

2. Non percorrere una strada dove è appena caduta una frana

3. Non avvicinarti al luogo di una frana: è pericoloso e intralceresti i soccorsi

4. Se avvisti per primo una frana, avvisa subito le Autorità.

www.unicef.it www.interno.it www.vigilfuoco.it